Sport

Palermo, ma davvero il campionato è già compromesso?

Il Palermo e la Ternana sono le uniche squadre tra le prime tredici in classifica che sono riuscite a vincere nella scorsa giornata, la penultima del girone d’andata (Catanzaro – Viterbese è stata sospesa per nebbia). Un week-end perfetto per i rosa, che hanno vinto contro la Cavese grazie a un gol di Rauti arrivato in extremis e, grazie ai risultati delle altre, recuperano punti a tutte e si ritrovano in piena lotta per un posto di prestigio ai playoff. Meglio di così non poteva andare.

La Ternana, ormai è chiaro, gioca un altro campionato. Gli uomini di Lucarelli occupano il primo posto in classifica e hanno otto punti di vantaggio sul Bari. Anche in una giornata non troppo esaltante a livello di prestazione, le ‘Fere’ hanno trovato una vittoria rocambolesca contro il Monopoli, che ha sbagliato due calci di rigore. Se guadagni il bottino pieno anche quando giochi male (su un campo reso pesantissimo dalla pioggia) vuol dire che è il tuo anno. La prima posizione, ormai, sembra irraggiungibile.

Il Bari occupa il secondo posto ma non vive un periodo felicissimo, almeno sul piano dei risultati. La squadra di Auteri gioca un buon calcio, produce tanto sul piano offensivo, ma non trova continuità; sono tre, infatti, i pareggi nelle ultime cinque gare (tra questi c’è quello col Palermo). La proprietà ha già dichiarato di voler investire sul mercato di gennaio per rinforzare l’organico, ma è difficile che una sessione così particolare causa Covid, dove non girano grosse risorse economiche, possa sconvolgere gli equilibri di una squadra.

Dopo il Bari, ecco che c’è la grande ressa per il terzo posto, con nove squadre in piena corsa e tra queste c’è il Palermo. In ottica playoff, conquistare la terza piazza sarebbe fondamentale. Il nuovo regolamento, infatti, prevede direttamente la fase nazionale (l’ultima prima della Final Four) in caso di terza posizione; solo la migliore quarta tra i tre gironi (decisa in base a una serie di criteri stabiliti dalla Lega) si aggiunge al novero di queste squadre. Sarebbe un vantaggio enorme ed è per questo che gli uomini di Boscaglia devono spingere nel girone di ritorno.

Al momento, il terzo posto è occupato da Avellino, Teramo e Foggia (28 punti); poi ci sono Catanzaro (con una gara da recuperare) e Catania (con due punti di penalità che potrebbero essere restituiti) a quota 27; la Turris è a 26 e alla nona posizione ecco il Palermo, a 24 punti; la Juve Stabia chiude la zona playoff a 23 (con una partita da recuperare). Tante grandi squadre in lotta per una posizione che ti può stravolgere il cammino post regular season.

Il Palermo, dopo un avvio terrificante (tre pareggi e tre sconfitte nelle prime sei), si è messo in marcia e nelle successive undici partite sono arrivate “solo” due disfatte: quella inaspettata contro la Turris – per come si era messa la gara – e quella bruttissima sul campo del Foggia. I rosa sono stati in grado di vincere sei partite e pareggiarne tre. Un bottino in linea con le altre squadre in lotta per il terzo posto. I rosa, però, devono riuscire a trovare un filotto di risultati utili consecutivi, come ha fatto il Foggia tra fine novembre e inizio dicembre, o come il Catania che non perdeva da otto partite, ma soprattutto bisogna continuare (o cominciare) a vincere le partite “sporche”, come quella con la Cavese.

In una stagione così particolare, condizionata pesantemente dal Covid, dove sono poche le squadre che riescono a trovare continuità, e giocare in casa non è più un fattore decisivo al 100%, il Palermo deve puntare a fare risultato in tutte le partite rimaste per rimettere in piedi un campionato che dopo il primo mese – e l’emergenza Covid che ha colpito la squadra – sembrava compromesso, e che invece potrebbe regalare ai rosa un ottimo piazzamento ai playoff, dove poi inizia il vero “girone dell’inferno”. Si andranno a incontrare squadre di altri gruppi, ci sarà una tra Ternana e Bari (lasciamo ancora un po’ di ragionevole dubbio) e gli spareggi dell’anno scorso confermano che non sempre chi è più forte o ha investito di più conquista la promozione in Serie B.

LEGGI ANCHE

PALERMO, L’INTERVISTA A ODJER

PALERMO, PIÙ EQUILIBRIO DI SQUADRA COL NUOVO MODULO

L’ARBITRO DI PALERMO – VIRTUS FRANCAVILLA

L'articolo Palermo, ma davvero il campionato è già compromesso? proviene da Stadionews24.

Fonte: StadioNews24

Commenta con Facebook:

Mostra altro

Redazione

R.T.M. (Radio Torre Macauda) nasce nel 1989, ed ha il suo punto di forza nel lavoro di squadra. Il format dell’emittente, guidato dall’ottobre 1997 dal direttore artistico Giuseppe Morrione, è un mix di musica, intrattenimento ed informazione, con l’obiettivo di avvicinarsi il più possibile alla gente, proponendo un palinsesto diverso rispetto ai vari momenti della giornata (musica italiana – grandi successi – musica dance e techno-house).

Articoli correlati

Adblock rilevato

Per favore disattiva il tuo Adblock!