Cronaca Locale

Crisi servizio idrico: la notte porta consiglio e l’intesa tra Curatela e Aica. Intanto, arriva lo sfratto: via dalla sede

PROVINCIA DI AGRIGENTO. E’ vero che la notte porta consiglio, ma sono state ore frenetiche di trattativa tra Aica e Curatela fallimentare per non lasciare a senza acqua l’intera provincia agrigentina. Sarebbe stato trovato un accordo che ha fatto avvicinare le parti e che permetterebbe di non interrompere il servizio idrico dal 2 agosto, data dalla quale inizia l’operatività della novella “consortile.

L’accordo raggiunto mette in salvo quello tra sindacati a Aica a tutela dei 300 lavoratori. Non si conoscono data l’ora tarda mentre riportiamo la notizia, i particolari dell’intesa che ha visto avvicinarsi le posizioni della Curatela fallimentare con Aica. Ma, almeno, si sarebbe evitata la fumata nera che fino a tarda sera era probabile.

Una cosa ci pare strana. Come abbia inteso la Curatela fallimentare di tenere il coltello dalla parte del manico minacciando 450.000 persone agrigentine di chiudere i rubinetti? L’erogazione dell’acqua è un servizio pubblico essenziale e vitale. Anche il Tribunale si sarebbe messo sulle spalle qualcosa che cozza contro la legge.

Intanto, è arrivato lo sfratto. La proprietà della sede della ex Girgenti Acque ha dato tempo fino a fine agosto. Adesso c’è il problema di cercare una nuova sede per ospitare gli uffici.

Filippo Cardinale

Fonte: Corriere Di Sciacca

Commenta con Facebook:

Mostra altro

Redazione

R.T.M. (Radio Torre Macauda) nasce nel 1989, ed ha il suo punto di forza nel lavoro di squadra. Il format dell’emittente, guidato dall’ottobre 1997 dal direttore artistico Giuseppe Morrione, è un mix di musica, intrattenimento ed informazione, con l’obiettivo di avvicinarsi il più possibile alla gente, proponendo un palinsesto diverso rispetto ai vari momenti della giornata (musica italiana – grandi successi – musica dance e techno-house).

Articoli correlati

Adblock rilevato

Per favore disattiva il tuo Adblock!